840 Monte Ortigara

denominazione: Monte Ortigara
itinerario : Piazzale Lozze 1771 m (Passo Stretto) – Chiesetta del Lozze (1890 m) – Baito Ortigara – Monte Ortigara 2106 m – Cippo Austriaco – Passo dell’Agnella – Baito Ortigara – Chiesetta del Lozze – Piazzale Lozze
dislivello : 350 m
tempo di percorrenza : h 2:40
difficoltà : E
periodo consigliato: da giugno a ottobre
punti di appoggio: Rifugio G. Cecchin, Baito Ortigara
punto di partenza: da Gallio si prende la strada che porta a Campomulo; si prosegue oltrepassando Malga Mandriele, fino ad arrivare a Piazzale Lozze dove si lasciano le auto (25 km da Asiago, tratti di strada bianca)
aspetti naturalistici e storici: si tratta del monte più conosciuto e frequentato dell’Altopiano, uno dei luoghi più famosi della prima guerra mondiale (battaglia dell’Ortigara, giugno 1917), ancora ricco di resti, testimonianze e monumenti come la famosa colonna mozza posta sulla cima.
Bella vista sull’acrocoro settentrionale dell’Altopiano.

Colonna mozza M. Ortigara

Colonna mozza M. Ortigara

Monte Ortigara

Monte Ortigara

Campana dell’Ortigara

Campana dell’Ortigara

Cippo Austriaco

Cippo Austriaco

Punti di appoggio dei sentieri 840 e 841

Baito Ortigara     q. 1937

Località: tra M. Ortigara e Cima Caldiera
Tipologia: baito in precarie condizioni
Apertura: sempre aperto
Sentieri interessati: 840 / 841
Posti letto: un tavolato
Dotazione:
Proprietario: Comune di Enego
Note: solo come ricovero di fortuna

Rifugio Cecchin    q. 1900

Località: M. Lozze
Tipologia: baito, in estate a fianco c’è un tendone per pranzare
Apertura: solo nei periodi di massima affluenza in estate
Sentieri interessati: 840 / 841
Servizi offerti:
pasti e bevande (no pernottamento)
Dotazione:  
Proprietario:  Comune di Enego
Note:  gestito dalla Seziona ANA di Marostica